Antonio Freddi

*

Nato a Parma nel 1971, dopo una prima laurea in Ingegneria meccanica nel 1996 si è rivolto alla filosofia conseguendo nel 2005 la laurea in Filosofia (quadriennale) presso l'Università di Parma con una tesi dal titolo Normatività e causalità in Donald Davidson: problemi di confine tra scienze umane e scienze della natura. Dalla fine del 2006 è iscritto al Dottorato di ricerca in Filosofia (XXII ciclo) presso l'Università del Piemonte Orientale: la sua ricerca riguarda la ricezione e l'influenza di Nietzsche nel pensiero filosofico nord-americano degli ultimi quaranta anni. Attraverso vari seminari filosofici e scuole di filosofia post-laurea alimenta i suoi interessi in ambito filosofico: storia della filosofia, filosofia della mente, antropologia filosofica, epistemologia, filosofia teoretica, filosofia morale, rapporto tra filosofia e letteratura. Ha pubblicato alcune recensioni filosofiche su «Intersezioni», «Exibart.com» e altre riviste minori e un saggio, Segni di razionalità ed autoreferenzialità nel «Teeteto» e nel «Sofista» platonici, on-line nel Centro Studi Archivio Barocco dell'Università di Parma, (http://www2.unipr.it/~pieri/File%20PDF/saggio_Platone(2).pdf, 2005).