Laurea magistrale

*
*

La laurea magistrale in Filosofia intende far acquisire:

  • in maniera approfondita gli strumenti teorici e metodologici degli studi filosofici;
  • una buona conoscenza dell’evoluzione storica del pensiero filosofico;
  • un’apprezzabile capacità di comprensione delle ragioni di fondo delle problematiche filosofiche in vista di una personale elaborazione teoretica delle questioni generali e specifiche che interessano l’essere umano, il suo rapporto con la natura e l’universo delle scienze, il legame con le tradizioni culturali e religiose, il mondo dell’espressività artistica, il bisogno di conoscenza, anche tenendo conto dell’articolazione delle problematiche legate al genere;
  • una comprensione della dimensione filosofica ermeneutica e dei problemi della comunicazione nei diversi contesti di vita sia in termini conoscitivi sia etici;
  • gli strumenti di una riflessione estetica in grado di contribuire alla comprensione delle diverse forme artistiche che caratterizzano la cultura dei popoli;
  • le conoscenze essenziali relative all’etica, alla storia e alla filosofia politica, al diritto e alle scienze sociali contemporanee, alle scienze naturali, alle scienze cognitive;
  • la conoscenza avanzata, in forma scritta e orale, di almeno una lingua rilevante per la filosofia.

Docenti

Tutti i docenti sono a disposizione per svolgere attività di tutorato. Gli studenti sono in particolare invitati a prendere contatto con i docenti i cui settori scientifici desiderano maggiormente approfondire.

Ammissione

È requisito necessario per l’ammissione al Corso di laurea magistrale in Filosofia, oltre a una adeguata preparazione personale:

  • il possesso della laurea triennale conseguita nella Classe delle lauree in Filosofia (L-5) in una università italiana, oppure
  • il possesso di altro titolo di studio, anche se conseguito all’estero, riconosciuto equipollente dal consiglio di dipartimento di riferimento ai sensi della normativa vigente, oppure
  • il possesso di una laurea triennale o di altro titolo di studio riconosciuto equipollente e dei seguenti requisiti curricolari: almeno 84 CFU nelle Attività formative indispensabili della Classe delle lauree in Filosofia come definite nel Decreto ministeriale del 16 marzo 2007, di cui almeno 48 nei settori M-FIL/01, M-FIL/02, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/05, M-FIL/06, M-FIL/07, M-FIL/08, IUS/20, SPS/01; almeno 6 CFU in una lingua straniera dell’Unione europea, eventualmente attestabili anche con un diploma linguistico almeno di livello B1, approvato dal Consiglio d’Europa o riconosciuto dal MIUR.

L’immatricolazione avviene previo esito positivo di un colloquio di verifica della preparazione personale con una commissione appositamente nominata dal direttore del dipartimento, sentito il coordinatore.

La commissione può comunque riservarsi la possibilità – a fronte di laureati con elevata preparazione provenienti anche da percorsi formativi non perfettamente coerenti con i requisiti richiesti in ingresso – di ammettere al colloquio di cui al comma 2 anche studenti che abbiano maturato almeno 48 CFU nei settori M-FIL/01, M-FIL/02, M-FIL/03, M-FIL/04, M-FIL/05, M-FIL/06, M-FIL/07, M-FIL/08, IUS/20, SPS/01.

La commissione, in particolare per gli studenti di cui al comma 3, potrà definire, all’interno dei 120 cfu della laurea magistrale, percorsi che tengano conto dei risultati della verifica della personale preparazione.

Organizzazione della didattica

  • Le norme complete sul corso di laurea sono raccolte nel Regolamento didattico.
  • La prova finale per il conseguimento della laurea magistrale è pubblica e consiste nella discussione di un elaborato scritto su un tema concordato con il relatore, che è di norma il docente titolare di un insegnamento per il quale il laureando abbia acquisito almeno 6 CFU. Il direttore del dipartimento, su motivata richiesta, sentito il coordinatore e con congruo anticipo rispetto alla scadenza per la presentazione della domanda di laurea, può autorizzare a svolgere tale compito un altro docente. Il relatore indica un correlatore, che può essere anche un docente di altri atenei o comunque un esperto della materia. Nell’elaborato, che dovrà rispondere ai criteri fondamentali della scrittura scientifica, il laureando dovrà dimostrare capacità avanzate di organizzazione coerente e di trattazione critica delle nozioni acquisite nel corso di studi nonché delle fonti e del materiale bibliografico su cui ha basato il proprio lavoro. Alla prova finale sono attribuiti 18 CFU per il curriculum Filosofia e 24 CFU per il curriculum Forme della razionalità. Il testo dovrà avere, di norma, un’ampiezza di circa 300.000 caratteri, spazi e note inclusi.
  • Per chiarimenti generali sulla compilazione del piano di studio, è possibile consultare le , scrivere all'indirizzo filosofiatorvergata@mondodomani.org o compilare l'apposito modulo.

Curricula

All'atto della compilazione del primo piano di studio, lo studente è tenuto a scegliere tra i due seguenti curricula: