Salta il menù

Stampa | Salva | Invia | Translate

Mariarosaria Iovinella

Risultati della ricerca sulle edizioni dei manoscritti del 1845-1846. La metodologia di una storia politica

1. Da un passato «storico-critico» all’importanza di un’edizione contestuale ^

Se si guarda indietro, agli oltre 90 anni di storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca,1 è chiaro che questa storia è lungi dall’essere conclusa. Né la storia delle edizioni, né tantomeno la storia politica di tali edizioni sono terminate. Da un lato, molti dei problemi editoriali fondamentali non sono ancora stati risolti. Questo è particolarmente vero per i cosiddetti manoscritti di Feuerbach. Sebbene i sette frammenti indipendenti del «primo capitolo» di ciò che è noto come L’ideologia tedesca siano stati presentati separatamente, e tra di loro in ordine cronologico (da I / 5 - 3 a I / 5 - 9), gli editori dell’edizione «Marx-Engels-Jahrbuch» (2003) presentavano ancora, anche in forma decostruita, un capitolo Feuerbach. Questo perché gli editori non hanno posizionato alcuni frammenti di testo, che erano stati scritti tra febbraio e metà aprile 1846 (Das Leipziger Konzil e II. Sankt Bruno), in ordine cronologico corretto tra i sette frammenti indipendenti del «primo capitolo». Tali incongruenze editoriali dovranno essere superate in qualsiasi edizione futura. D’altra parte, i conflitti politici che hanno accompagnato la storia delle edizioni de L’ideologia tedesca dal 1921 sono anch’essi lontani dall’essere risolti. Oltretutto la spaccatura tra quegli editori che mirano a utilizzare le opere di Marx ed Engels per la propaganda tra le classi lavoratrici e quegli editori che vogliono rivolgersi solo a una élite scientifica è più profonda che mai. Editori e lettori si stanno ancora interrogando sulla questione se L’ideologia tedesca debba essere pubblicata in modo tale che il suo contenuto serva come fonte di informazione e ispirazione per un vasto pubblico, formato prevalentemente dalle classi lavoratrici; o se debba essere pubblicata in modo tale che il suo contenuto fornisca informazioni scientifiche per intellettuali alla ricerca del background storico, la cronologia formale dei manoscritti e la questione della paternità degli stessi. Anche tale dissenso politico dovrà essere superato in qualsiasi edizione futura. Poiché le edizioni hanno, ovviamente, un’influenza maggiore e vendono molto meglio se ogni divario esistente tra la situazione storica in cui il lavoro è stato prodotto dall’autore e la vita attuale del lettore è stato colmato dall’editore, è diventato consuetudine non solo manomettere i manoscritti originali ma anche aggiungere commenti e spiegazioni. La storia di tali commenti e spiegazioni risale alla Grecia classica e a Roma, fiorì durante il Medioevo e divenne parte integrante di tutte le edizioni da allora fino alla metà del diciannovesimo secolo. Gli editori del ventesimo secolo hanno generalmente la tendenza a pubblicare solo selezioni molto soggettive dei testi, integrate poi da commenti di «contestualizzazione». Anche se, secondo Plachta,2 questo metodo era indiscusso tra gli editori contemporanei in generale, molte polemiche sono esistite (ed esistono ancora) quando si arriva alla quantità e qualità di tali interferenze. Al fine di analizzare le idee e le ideologie dietro queste polemiche, bisogna prima di tutto valutare le diverse edizioni di studiosi apparse sul mercato nel ventesimo secolo. Nel 1997, Plachta ha distinto tra due tipi di edizioni accademiche; questo è rilevante per la ricerca sulla storia politica delle edizioni. Le edizioni di studio mirano ad un vasto pubblico e devono quindi essere pubblicate in massa ad un prezzo abbordabile. Inoltre, le edizioni di studio spesso non sono basate su ricerche accademiche di larga scala, che non solo fornirebbero all’editore una visione approfondita dell’origine e dell’impatto del lavoro dell’autore, ma sostanzierebbero anche l’intero processo di editing e pubblicazione. Sarebbe comunque sbagliato classificare le edizioni di studio come non linguistiche, poiché la maggior parte delle edizioni rendono informazioni consolidate sull’interpretazione corrente e la presunta rilevanza del testo. Gli editori delle edizioni di studio fanno spesso un lavoro pionieristico. Plachta ha chiamato queste edizioni “edizioni provvisorie”, perché sono per lo più pubblicate prima che una edizione storico-critica diventi addirittura possibile. Non ci sono standard generalmente riconosciuti per le edizioni di studio, ma alcune caratteristiche comuni sono: 1) La presentazione dei testi, che è stata tralasciata dall’autore, è terminata in modo soggettivo e selettivo (il termine «testo» include anche i manoscritti e i frammenti di testo); 2) Una versione di un testo è identificata come la versione più importante e corretta; 3) Solo una versione del testo verrà presentata come «testo modificato»; 4) Non esiste alcuna variante di testo; 5) Non viene fornito alcun resoconto sullo sviluppo cronologico del testo; 6) L’ortografia e la punteggiatura sono modernizzate; 7) Quasi altrettanto importante del testo pubblicato è il commento dell’editore. L’editore fornisce spesso un resoconto di una o più interpretazioni del testo e giustifica la pubblicazione sottolineando la sua rilevanza. Qui, la soggettività dell’editore gioca un ruolo significativo.

L’edizione storico-critica fu inventata nel diciannovesimo secolo, ma ha manifestato il suo aspetto distintivo principalmente durante il ventesimo secolo. Questo tipo di edizione vuole essere la forma più rappresentativa ed accademica di presentare l’opera ad un pubblico specializzato. Il grande lavoro di ricerca accademica, che deve essere effettuato per pubblicare un’edizione storico-critica, viene solitamente fatto da istituzioni nazionali come le accademie, gli archivi o le università. I finanziamenti si basano spesso sul denaro pubblico.3 Le edizioni storico-critiche sono costose e quindi non sono nelle mani di privati, ma nelle biblioteche. Non esiste una definizione standard su cosa dovrebbe essere riconosciuto come «storico-critico», ma è possibile elencare alcune caratteristiche comuni di edizioni storico-critiche esistenti: a) La presentazione di testi, così come ci sono stati lasciati dall’autore, in tutta la loro estensione; b) Il trattamento di tutte le versioni di un determinato testo su base uguale; c) Ortografia e punteggiatura non sono alterati; d) Non tutte le versioni di un testo devono essere presentate come «testo modificato». Varianti al «testo modificato» potrebbero essere fornite in un catalogo di varianti; e) Una riproduzione adeguata dello sviluppo cronologico del testo in un apparato critico; f) La presentazione di tutti i materiali come note, estratti o schemi, che può essere identificato come lavoro preparatorio per il testo (paralipomeni); g) Un resoconto dettagliato dello stato in cui si trovava il testo quando l’editore lo ha ottenuto. Questo include una descrizione del materiale su cui è stato scritto, stampato e così via. Una riproduzione di tutti i documenti relativi alle origini del testo e della sua storia; h) Una descrizione dell’impatto che il testo ha avuto durante la vita del suo autore e successivamente; i) La collocazione del testo in una prospettiva storica, letteraria, linguistica e biografica. Sebbene un commento interpretativo sia la caratteristica predominante di qualsiasi edizione di studio, si possono anche trovare ampi commenti aggiuntivi in quasi tutti i documenti storici.

Come si è voluto dimostrare, l’ordine cronologico della maggior parte dei manoscritti che formano ciò che ci è noto come L’ideologia tedesca era soggetto a speculazioni ed interpretazioni, anche se gli editori hanno definito la loro procedura «storico-critica». Quindi, in accordo con Arno Mentzel- Reuters, sostengo che gli editori in generale devono assumersi una grande responsabilità in quanto devono valutare i loro risultati (testi, frammenti, manoscritti), poiché ogni edizione è un’interpretazione sulla base di alcune premesse storiche, ermeneutiche e sistematiche. Pertanto né l’edizione storico-critica, né l’edizione di studio, possono essere una semplice ristampa di uno scritto che è stato pubblicato precedentemente o una semplice riproduzione oggettiva di manoscritti esistenti. L’intuizione che «le edizioni sono interpretazioni» è molto importante per la ricerca della storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca.4 Per quanto riguarda la vivida storia dei conflitti politici, si possono osservare due linee di sviluppo contrarie. Il primo ha avuto inizio con l’edizione «Marx-Engels-Archiv» del 1926 e si è concluso con l’edizione Marx-Engels-Werke del 1958. Qui la tendenza generale era di rendere i manoscritti del 1845-1846 accessibili a un pubblico più vasto possibile. Le varie edizioni di questo periodo, sebbene fossero largamente diffuse tra i lettori ordinari, non erano accettabili da un punto di vista scientifico, e alla fine hanno contribuito a una comprensione «schematica» della «concezione della storia» di Marx ed Engels. Il secondo sviluppo iniziò con l’edizione Deutsche Zeitschrift für Philosophie del 1966, che trovò la sua espressione nell’edizione Marx-Engels-Jahrbuch del 2003 pubblicata nel 2004. In questo caso, si può notare una tendenza generale verso l’accuratezza scientifica e la cronologia. Anche i risultati di questa seconda linea di sviluppo editoriale non sono per nulla soddisfacenti, perché le edizioni storico-critiche sono diventate non solo sempre più costose, ma anche la loro interpretazione testuale (completata da un esteso apparato critico) e il commento sono probabilmente troppo complessi e confusi per i lettori non accademici. Non sono state ancora prodotte edizioni di studio in lingua tedesca sulla base delle edizioni Probeband del 1972 o «Marx- Engels-Jahrbuch» del 2003. Le edizioni odierne di studio in lingua tedesca riflettono ancora le conoscenze degli anni ‘70 riguardo ai manoscritti del 1845-1846. Sebbene la tendenza verso una maggiore fedeltà scientifica abbia alla fine prevalso, l’influenza pratica e quindi politica di ciò che ora ci è noto come L’ideologia tedesca è diminuita. Questo non è uno sviluppo inevitabile. La ricerca scientifica sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca alla fine dimostrerà che non c’è alcuna contraddizione necessaria tra precisione storica e leggibilità, tra meticolosità scientifica e la politica della classe operaia contemporanea. Tuttavia, deve essere capito che solo oggi, e solo sulla base dell’intera storia politica di queste edizioni, diventa possibile superare questo conflitto storico. È solo grazie alla complessa storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca che gli studiosi hanno fatto quelle importanti scoperte che permetteranno la nascita di edizioni dei manoscritti del 1845-1846, che non sono solo dei più alti standard scientifici, ma sono anche leggibili e veramente educativi.

Nella discussione che segue presento tre importanti interpretazioni dei manoscritti del 1845-1846 che hanno preparato il terreno per le edizioni future. C’è una differenza qualitativa tra queste tre interpretazioni e tutte le altre interpretazioni che sono state esaminate finora. Normalmente, la storia delle edizioni de L’ideologia tedesca seguiva approssimativamente un modello di «edizione-interpretazione-edizione». Ciò significava che una certa edizione ha portato ad una nuova interpretazione dei manoscritti e della storia delle origini, e la nuova interpretazione è stata seguita da un’ulteriore edizione (si veda, ad esempio, la relazione tra l’edizione «Deutsche Zeitschrift für Philosophie» del 1966 e quella 1972 MEGA2 Probeband). Tuttavia, le tre interpretazioni che presento qui erano tutte basate su una particolare edizione o edizioni de L’ideologia tedesca. La prima interpretazione fu avanzata da uno dei Sozialistische Studiengruppen della Germania occidentale nel loro libro del 1981 Die Deutsche Ideologie: Kommentar. Il lavoro di questo particolare gruppo di studio ha analizzato i manoscritti del 1845-1846 e si basava sull’edizione Marx-Engels-Werke del 1958 e anche sull’edizione «Deutsche Zeitschrift für Philosophie» del 1966.5 Per la prima volta in assoluto, gli interpreti hanno osato mettere in discussione l’ordinamento tradizionale dei «capitoli». Per loro era essenziale leggere I. Feuerbach dopo II. Sankt Bruno, III. Sankt Max e Der wahre Sozialismus, altrimenti non sarebbe stato possibile cogliere appieno lo sviluppo dei pensieri di Marx ed Engels nel 1845-1846.6 Fino ad oggi, nessun editore di ciò che ora è noto come L’ideologia tedesca ha mai provato ad ordinare le varie critiche di Feuerbach, Bauer, Stirner, Grün, e così via, in un ordine cronologico rigoroso, collocando per esempio, i cosiddetti manoscritti di Feuerbach ovunque tranne che all’inizio del «primo volume». La seconda interpretazione si può trovare nella pubblicazione di Koltan del 1995 Die Konzeption der Geschichte nella “Deutschen Ideologie” von Karl Marx und Friedrich Engels. Per la sua interpretazione, Koltan fece uso principalmente dell’edizione Probeband MEGA2 (1972) de L’ideologia tedesca. Per la prima volta nella storia delle interpretazioni dei manoscritti del 1845- 1846, si sosteneva che si potessero comprendere solo quei frammenti del cosiddetto capitolo Feuerbach che erano stati prodotti in concomitanza con la critica III. Sankt Max, leggendo prima III. Sankt Max.7 Fino a oggi, nessun editore di ciò che è noto come L’ideologia tedesca ha mai provato a pubblicare, ad esempio, la critica III. Sankt Max in ordine cronologico corretto tra i cosiddetti manoscritti di Feuerbach. Solo così facendo, è possibile ristabilire l’ordine cronologico dei manoscritti. La terza interpretazione è stata pubblicata da Carver nel suo libro del 1998 The postmodern Marx. In uno dei suoi capitoli, intitolato Technologies and utopias: Marx’s communism, Carver ritorna alla sua interpretazione del 1988 di un passaggio importante dai manoscritti del 1845-1846. In tal modo, Carver8 poteva collocare quelle scoperte precedenti nel più ampio contesto della sua ricerca su come «Marx sta cambiando». Per la sua interpretazione del pensiero di Marx ed Engels circa la relazione tra tecnologia industriale e società comunista, Carver ha fatto uso dell’edizione 1974 di Hiromatsu del “primo capitolo” de L’ideologia tedesca.9 Per la prima volta nella storia delle interpretazioni dei manoscritti del 1845-1846, si sosteneva che si potevano comprendere i vari frammenti de L’ideologia tedesca solo se si tiene conto «di quali parole sono state scritte per mano di Engels e per mano di Marx, quali inserimenti e quali cancellazioni possono essere attribuiti a ciascun autore»10. Fino ad oggi, nessun editore di ciò che è noto come L’ideologia tedesca ha mai provato a pubblicare tutti i manoscritti del 1845-1846 nel modo in cui Hiromatsu ha ordinato I. Feuerbach nel 1974. Solo se l’antico ordinamento delle varie critiche (I. Feuerbach, II. Sankt Bruno, III. Sankt Max, ecc.) dei manoscritti del 1845-1846, l’antico ordine dei vari frammenti (da I / 5-3 a I / 5-9) del cosiddetto capitolo Feuerbach, e l’antica soppressione delle varianti testuali nell’apparato critico potrà essere superata, sarà possibile comprendere appieno sia la genesi che il significato della «concezione della storia» di Marx e di Engels.

Questa ricerca sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca ha dato luogo a numerose e sorprendenti risposte a una storia fatta di questioni irrisolte. In questo contesto si possono citare, ad esempio, le prove fornite in merito alla parte significativa svolta da Rjazanov nella revisione dell’edizione MEGA1 del 1932. Tuttavia, e ancora più importante, anche il risultato della storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca contribuisce a una completa rivalutazione della natura stessa degli stessi manoscritti del 1845-1846. La tendenza generale della storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca dalla metà degli anni '60, che porta sempre più a un completo restauro dei manoscritti originali, corroborano tutte le ipotesi di quegli interpreti che hanno sempre rilevato «incongruenze nell’esposizione e nella ripetizione delle argomentazioni de L’ideologia tedesca»11. Criticare i precedenti giudizi sulla «coerenza interna» dei manoscritti del 1845-1846 sulla semplice base dell’analisi testuale, è una cosa; trovare la prova della non esistenza di questa «coerenza interiore» nella storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca, è un’altra. Per lungo tempo gli interpreti hanno sostenuto che i manoscritti non possono essere definiti come un «compendio completo del materialismo storico» e questo non dovrebbe far attribuire ai manoscritti significati che non erano stati progettati dai suoi autori.12 Anche Engels nel 1888 aveva sottolineato che i manoscritti del 1845-1846 «forniscono la prova dell’incompletezza», della «conoscenza della storia economica» sua e di Marx all’epoca.13 La ricerca sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca analizza tutte quelle ipotesi sui manoscritti del 1845-1846 che ritengono questi ultimi un Zwischenschritt (passo intermedio) nello sviluppo intellettuale di Marx ed Engels. Lungi dall’essere una «guida per una teoria marxista della società» i manoscritti del 1845-1846 sono pieni di «contraddizioni e incongruenze», risultanti da un processo prolungato e complicato di Selbstverständigung (auto-chiarimento)14. Ciò spingerebbe anche a dire che la storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca ha mostrato che i manoscritti del 1845-1846 sono essenzialmente «lavori preparatori» per gli scritti successivi (e pubblicati), come Misère de la philosophie di Marx del 1847, l’opuscolo del 1848 di Marx ed Engels Manifest der Kommunistischen Partei, e il Vorwort di Marx del 1859 a Zur Kritik der Politischen Ökonomie. Quello che è diventato noto come un «libro finito» (piuttosto che semplicemente revisionato) dal titolo L’ideologia tedesca deve quindi essere considerato un “work in progress” in termini di interpretazione dei testi coinvolti. Questa importante scoperta deve trovare riscontro in ogni nuova edizione dei manoscritti del 1845-1846. È quindi di vitale importanza per qualsiasi edizione futura che il lettore sia in grado di provare e apprezzare lo sviluppo intellettuale di Marx ed Engels. La ricerca sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca ha rivelato che i due sviluppi storici delineati possono essere considerati come una linea di sviluppo dell'«assetto logico», come inteso da ogni editore (1926-1958), e una linea di sviluppo di «arrangiamento cronologico», come inteso finora (1966-2004). Tuttavia, mentre le carenze della «disposizione logica» sono state criticate da tutti i sostenitori della «disposizione cronologica», è stato fatto notare che un certo tipo di accordo cronologico porterà inevitabilmente a gravi problemi editoriali. Le edizioni pubblicate fino ad oggi, che pretendevano di ordinare cronologicamente i vari frammenti e le critiche, sono sempre state prodotte sul presupposto che si potevano identificare «versioni di ultima mano». Questo era il caso di quei frammenti che Rjazanov definiva come «manoscritto principale». I precedenti editori erano ossessionati dall’idea che questi cosiddetti frammenti di Feuerbach potessero essere presentati solo nel modo in cui erano stati lasciati (numerati ma con pagine variamente scollegate) da Marx ed Engels nell’estate del 1846. Questo era un approccio astorico. È stato fatto notare che l’impaginazione di Marx del cosiddetto manoscritto principale era solo preliminare e Marx ed Engels non avevano mai avuto intenzione di pubblicare questa raccolta di frammenti incoerenti. L’impaginazione di Marx non era basata sul ragionamento logico circa il contenuto, ma era più che probabile che Engels lo avrebbe aiutato a identificare le singole pagine e ad impedirgli di mescolare i vari frammenti. Parti del contenuto del cosiddetto manoscritto principale potrebbero essere state usate in seguito per comporre un capitolo I. Feuerbach e altre parti di questo contenuto potrebbero semplicemente essere state gettate via. Non sappiamo come Marx (e forse Engels) avrebbero fatto uso di questi frammenti incoerenti. Tuttavia, sappiamo esattamente dove sono stati estratti dai vari lavori nel corso del tempo e in quali contesti politici, intellettuali e commerciali fossero originariamente prodotti. Gli studiosi, già nella metà degli anni ‘60, erano ben consapevoli del fatto che le parti più importanti del cosiddetto capitolo di Feuerbach furono prodotte da Marx ed Engels mentre stavano scrivendo le bozze della critica a Bauer e Stirner. Questo importante aspetto della cronologia in cui i manoscritti del 1845-1846 sono stati scritti è sempre stato ignorato dai vari editori di ciò che è diventato noto come L’ideologia tedesca. In effetti, il dogma di presentare i manoscritti di Marx ed Engels solo come «versioni di ultima mano» ha trovato il suo più forte appoggio da parte degli editori dei volumi «storico-critici» della MEGA2. Diversamente, si può sottolineare che l’ordinamento cronologico delle «versioni di ultima mano» impedisce ai lettori di apprezzare appieno i progressi intellettuali che sono stati fatti da Marx ed Engels tra l’autunno del 1845 e l’estate del 1846.

Per intenderci, qualsiasi futura edizione dei manoscritti del 1845-1846 deve presentare il cosiddetto manoscritto di Feuerbach almeno due volte: una volta, nel contesto in cui fu prodotto (inverno del 1845-1846), come parte delle critiche di Bauer e Stirner, e una volta di nuovo come sono stati estratti dalle critiche di Bauer e Stirner e impaginati da Marx (primavera del 1846). Solo così diventa possibile, per il lettore non accademico, comprendere del tutto il contesto in cui Marx ed Engels hanno formulato la loro «concezione della storia». Tuttavia, gli editori dell’edizione MEGA2 de L’ideologia tedesca, Gerald Hubmann, Christine Weckwerth e Ulrich Pagel, hanno esplicitamente escluso qualsiasi «divisione» dei capitoli Feuerbach e Stirner. Nel loro testo del Novembre 2006 Die Textgestalt der Deutschen Ideologie in MEGA2 I / 5: Einleitender Beitrag zum deutsch-japanischen Workshop am 24 november 2006 an der Berlin-Brandenburgischen Akademie der Wissenschaften si sono persino sentiti in dovere di denunciare un approccio del genere che porta a una disposizione «parzialmente assurda» del testo.15 Chiaramente, questi editori non hanno mai nemmeno pensato di presentare i manoscritti del 1845-1846 in varie fasi della loro produzione. Si sospetta che la ragione della loro totale riluttanza a riprodurre certi frammenti di testo due volte (il che avrebbe consentito il loro apprezzamento in diversi contesti) sia tanto semplice quanto tragica. Poiché il progetto MEGA2 è stato sia «privatizzato» nelle mani di un’organizzazione non governativa (l’Internationale Marx- Engels-Stiftung, Amsterdam) ma anche «depoliticizzato», rescindendo l’affiliazione da qualsiasi partito operaio, il futuro delle pubblicazioni è inevitabilmente soggetto alla buona volontà degli organismi di finanziamento piuttosto conservatori. Quindi il denaro è diventato un problema centrale, portando a una revisione completa del piano editoriale per il Marx-Engels- Gesamtausgabe.16 Le dimensioni complessive dei volumi non solo sono state ridotte drasticamente, di quasi 60 (da circa 172 nel 1990 a 114 nel 1995), ma il contenuto dei volumi rimanenti è stato «semplificato»17. Quest’ultimo punto è di particolare importanza per ogni futura edizione «storico-critica» della MEGA2 di ciò che è diventato noto come L’ideologia tedesca. L’articolo Der revidierte Plan der Marx-Engels-Gesamtausgabe, pubblicato da Grandjonc e Rojahn nel 1996, afferma senza ambiguità che, rispetto ai metodi precedenti, gli editori devono d’ora in poi “astenersi” dallo stampare qualsiasi testo due volte (Doppelabdrucke von Texten) nella prima sezione della MEGA2.18

È importante sottolineare che, anche presentando i cosiddetti manoscritti di Feuerbach come una «versione di ultima mano» decostruita («Marx-Engels-Jahrbuch» 2003), i lettori saranno nuovamente scoraggiati dall’occuparsi di quegli autori che Marx ed Engels avevano criticato nel 1845-1846. Non vi può essere, infatti, una comprensione approfondita e contestuale dei cosiddetti manoscritti di Feuerbach senza almeno un’apprensione di base delle idee di Stirner, Bauer, Grün e Feuerbach. Anche un «capitolo Feuerbach» ordinato cronologicamente che viene pubblicato senza le critiche da cui i frammenti principali sono stati presi (le critiche di Bauer e Stirner), contribuirà all’incomprensione che il «primo capitolo» de L’ideologia tedesca rappresenti una facile introduzione alla «visione del mondo» del marxismo. Lungi dall’essere così, i manoscritti del 1845-1846, una volta pubblicati contestualmente, forniranno ai lettori una visione completa dell’affascinante processo di come e perché Marx ed Engels divennero Marx ed Engels. La ricerca sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca ha dimostrato che un tale fraintendimento delle conclusioni tratte da Marx ed Engels, con la conseguente interpretazione schematica della loro «concezione della storia», può essere superato solo presentando il loro intero lavoro elaborato in una nuova edizione completamente contestuale. È importante lasciarsi alle spalle non solo i primi approcci «logici» ma anche i primi approcci «cronologici» nell’ordinamento dei manoscritti del 1845-1846. Costruire un testo uniforme basato su ipotesi puramente «logiche» sui contenuti è inadatto proprio come presentare un insieme cronologico ordinato di «versioni di ultima mano». Entrambi gli approcci sono limitati e fuorvianti, e quindi non riflettono gli sviluppi intellettuali e politici in Marx e il lavoro di Engels nell’inverno e nella primavera del 1845-1846. Un’edizione contestuale, che presenta tutte le fasi dello sviluppo dei due autori, potrà, per la prima volta, consentire ai lettori di esplorare correttamente le idee di Marx ed Engels.

2. Come pubblicare un’edizione contestuale de L’ideologia tedesca in futuro ^

Il conflitto politico che ha accompagnato la storia delle edizioni de L’ideologia tedesca nel 1921, e che nacque dalla contraddizione tra accuratezza storica e leggibilità, tra la meticolosità scientifica e la politica della classe operaia contemporanea, deve essere superato. A questo proposito, di seguito espongo le mie idee sulla necessità di un’edizione contestuale. Tale edizione contestuale utilizzerebbe il metodo di Hiromatsu per presentare lo sviluppo del testo in ogni frase e paragrafo dei frammenti. È altresì necessario riprodurre i manoscritti del 1845-1846 in diverse fasi, come Marx ed Engels stavano cercando di fare in opere diverse, vale a dire con le recensioni a Bauer e Stirner. Ciò significa che le versioni precedenti del testo di Marx ed Engels (come nel tardo autunno, l’inverno e la primavera del 1845-1846) devono essere rese prima di qualsiasi modifica successiva al testo (come l’estate del 1846). Gli sviluppi nelle diverse versioni dei manoscritti sono importanti quanto gli sviluppi testuali all’interno di ogni frase e paragrafo dei manoscritti stessi. Pertanto, non ci sarebbe nessuna «versione di ultima mano», e nessun «volume tematico» sarebbe considerato un «prodotto finale». Il processo di lavoro dei due autori sarebbe quindi reso visibile al lettore come un susseguirsi di fasi nella produzione dei manoscritti del 1845-1846, in modo simile segue la successione di eventi nelle loro attività politiche tra il tardo autunno del 1845 e l’estate del 1846. Dopo che Charakteristik Ludwig Feuerbach di Bauer fu pubblicato nel terzo volume del «Vierteljahrsschrift» di Wigand (tra il 16 e il 18 ottobre 1845), Marx deve aver deciso di scrivere una «risposta» critica da solo. Bauer aveva attaccato Marx e Marx si è semplicemente difeso.19 L’articolo di Marx Gegen Bruno Bauer era datato 20 novembre 1845 ed è stato pubblicato tra il 22 e il 24 gennaio 1846, nel «Gesellschaftsspiegel» n. VII di Heß. Questo articolo deve essere stato stampato per primo. Poi, dopo che Hess tornò a Bruxelles (24-25 novembre 1845) con la notizia che la pubblicazione di un trimestrale era stata finanziariamente garantita, sia Marx che Engels iniziarono a lavorare su un altro articolo contro Bauer (che si occupava in parte anche di Feuerbach e Stirner)20. Questo secondo articolo fu una risposta critica a Charakteristik Ludwig Feuerbach di Bauer, e in effetti parti dell’articolo di Marx del 20 novembre 1845 e l’articolo scritto sia da Marx che da Engels sono molto simili. L’articolo di Marx del 20 novembre 1845, deve essere visto come un «primo schizzo» al lavoro più lungo e dettagliato su Bauer che ne è seguito.21 Sfortunatamente, il secondo articolo su Bauer non è stato pubblicato in tempo, e alcuni dei fogli di stampa sono stati persi nel corso degli anni. Tuttavia, i resti di questo secondo articolo devono essere pubblicati immediatamente dopo l’articolo di Marx del 20 novembre 1845. Il lavoro congiunto di Marx ed Engels su Bauer originariamente comprendeva circa 16 fogli di stampa. Oggi siamo ancora in possesso dei fogli di stampa 6-11, nonché della seconda pagina del primo foglio di stampa.22 La struttura dell’articolo inedito seguì più o meno la struttura dell’articolo di Bauer. Fu durante il loro lavoro su questo secondo articolo che i due autori devono aver capito che il Charakteristik Ludwig Feuerbach di Bauer era molto più di una critica alla filosofia di Feuerbach. Era allo stesso tempo un resoconto polemico sulla relazione intellettuale tra Feuerbach e Stirner. Sebbene Marx ed Engels si fossero soffermati brevemente su Stirner quando scrivevano il loro articolo contro Bauer, una critica completa di Der Einzige und sein Eigentum di Stirner, della sua posizione all’interno della filosofia post-hegeliana mancava ancora. Quindi, la critica del Charakteristik Ludwig Feuerbach di Bauer ha portato subito dopo alla critica del Der Einzige und sein Eigentum di Stirner.23 Secondo le ultime ricerche, Marx ed Engels hanno iniziato a scrivere Sankt Max non prima dell’inizio di gennaio 1846. Il manoscritto di oltre 100 fogli di stampa è molto più ampio dell’opera stessa di Stirner del 1844, e segue da vicino la struttura del libro di Stirner capitolo per capitolo. Proprio all’inizio del loro lavoro su Sankt Max Marx ed Engels devono aver preso la decisione di pubblicare sia il loro articolo manoscritto su Bauer sia la loro nuova critica a Stirner con il titolo Das Leipziger Konzil. Il Dottor Graziano di Hess sarebbe stato incluso anche nell’antologia programmata.24 Un’edizione contestuale dovrebbe presentare questa fase iniziale di Das Leipziger Konzil come uno dei passaggi intermedi nel flusso generale di lavoro tra il tardo autunno del 1845 e l’estate del 1846.Verso la fine della stesura di Sankt Max Marx ed Engels si resero conto che dovevano rivedere alcune sezioni importanti di Das Leipziger Konzil. Il manoscritto su Stirner era cresciuto così tanto nei primi mesi del 1846 che sminuiva l’articolo su Bauer perché era di sei volte più lungo. Però, non era solo per le enormi dimensioni di Sankt Max, ma anche perché i due autori avevano fatto nuovi progressi intellettuali, se poi decisero di intraprendere le seguenti due azioni. Prima di tutto, la critica Sankt Max doveva essere rafforzata e liberata da eventuali paragrafi in eccesso. In questi paragrafi Marx ed Engels generalizzavano i risultati teorici della loro precedente critica al severo nominalismo di Stirner. E in secondo luogo, le nuove conoscenze acquisite per criticare Stirner devono essere state utilizzate per rivedere e rafforzare la critica esistente di Bauer. Questo secondo passo è diventato necessario per rendere l’articolo su Bauer adatto sia in termini di contenuto che di stile con la critica di Stirner. Marx ed Engels iniziarono la loro revisione di Das Leipziger Konzil riducendo la dimensione di Sankt Max di diversi fogli di stampa. La causa immediata di ciò era da ricondurre al fatto che i due autori si allontanarono ancora una volta dal tema principale del loro sottocapitolo Die Gesellschaft als bürgerliche Gesellschaft.25 Sebbene Marx ed Engels avessero estratto un totale di 11 fogli di stampa dai manoscritti, volevano solo sbarazzarsi di alcuni dei contenuti. Perciò, mentre a Weydemeyer fu chiesto di copiare alcune parti del testo di Sankt Max, Marx ed Engels volevano tornare nella sezione dei manoscritti Sankt Max di Das Leipziger Konzil.26 Di conseguenza si può dire che, anche se sono stati presi interi fogli di stampa Sankt Max, i paragrafi estratti in eccesso (meno le sezioni copiate nel manoscritto Sankt Max di Das Leipziger Konzil di Weydemeyer) non formano un testo coerente da soli. Bisogna sottolineare che un’edizione contestuale deve presentare la critica Sankt Max in modo tale che la versione precedente più estesa, così come la versione abbreviata successivamente, diventino chiaramente distinguibili per il lettore. Dopo che Marx ed Engels finirono il loro lavoro su Sankt Max, iniziarono a rivedere immediatamente il loro vecchio articolo su Bauer scritto diversi mesi prima. Facendo uso di nuove intuizioni, che i due autori avevano acquisito durante la loro critica a Der Einzige und sein Eigentum di Stirner, modificarono la loro precedente esposizione in diversi punti con numerose correzioni al testo, utilizzando il lato destro dei fogli di stampa. Mentre Engels fu il principale autore del testo sul lato sinistro dei fogli di stampa, fu Marx che poi riformulò alcune frasi e aggiunse nuove idee sul lato destro dei fogli.27 All’inizio della primavera del 1846 anche Marx suddivise l’articolo su Bauer identificando i paragrafi che trattavano esplicitamente di «Feuerbach», «Geschichte», «Bauer» e così via.

Un’edizione contestuale dei manoscritti del 1845-1846 deve rendere la versione (rivista) del secondo articolo contro Bauer come una fase indipendente nel lungo processo di lavoro dei due autori. In questo momento la critica Sankt Bruno era ancora intitolata I. Sankt Bruno, e solo più tardi, quando il piano di scrivere una critica indipendente I. Feuerbach ha preso forma, è stato cambiato in II. Sankt Bruno.28 Un’edizione contestuale deve rendere il suddetto articolo su Bauer prima della critica Sankt Max. Poi dovrebbe seguire l’articolo rivisto su Bauer e poi la critica Sankt Bruno. Nessuna delle edizioni finora pubblicate dei manoscritti del 1845-1846 ha mai osato mettere le critiche separate nel loro ordine cronologico reale. Durante il loro lavoro su Sankt Bruno Marx ha gradualmente cancellato tutti quei paragrafi etichettati «Bauer» dell’articolo rivisto su Bauer che i due autori avevano o copiato parola per parola nella critica Sankt Bruno, o parafrasato. I pezzi rimanenti su «Feuerbach», «Geschichte» e così via sono stati poi messi da parte insieme a quei paragrafi in eccesso che erano già stati estratti dalla critica Sankt Max. Per non confondere i molti avanzi incoerenti e per non mescolarli completamente, Marx deve aver deciso di impaginarli nell’ordine della loro produzione (1-72). Anche se Marx ed Engels non avevano mai avuto intenzione di far pubblicare questo rozzo insieme di frammenti, che Taubert e Pelger hanno intitolato Feuerbach und Geschichte. Entwurf und Notizen, costituisce ancora un altro passo avanti nel processo di lavoro di Marx ed Engels. Pertanto, un’edizione contestuale deve pubblicare il cosiddetto manoscritto principale dopo le critiche Sankt Max e Sankt Bruno. Quando Marx ed Engels avevano terminato il loro lavoro su II. Sankt Bruno, non si sono preoccupati dei rimanenti frammenti in eccesso che Marx aveva impaginato 1-72. Dopo che Weydemeyer aveva portato con lui il «primo volume» di ciò che è diventato noto come L’ideologia tedesca in Germania (metà aprile 1846), Marx ed Engels fecero tutto il possibile per completare il secondo volume. Ci sono diversi motivi per cui Marx ed Engels decisero di lavorare sulle loro critiche dei «veri socialisti» piuttosto che su una critica di Feuerbach. Una delle ragioni era che nella loro critica II. Sankt Bruno Marx ed Engels avevano iniziato a prendere le distanze dal loro ex amico e collaboratore Hess. Di conseguenza, Il Dottore Graziano di Hess fu eliminato da Das Leipziger Konzil.29 La divisione sul campo intellettuale, che alla fine del marzo 1846 portò anche a una divisione fisica quando Hess lasciò Bruxelles (tra il 22 e il 29 marzo), era iniziata dopo che Marx ed Engels avevano studiato Stirner. Hess era sempre più percepito come uno dei «veri socialisti». Un’altra ragione per cui un esame critico dei «veri socialisti» stava precedendo qualsiasi ulteriore lavoro su una critica I. Feuerbach fu il fatto che Feuerbach non aveva pubblicato niente di recente che avrebbe giustificato un lavoro separato su di lui. Solo quando Marx ed Engels appresero che Feuerbach stava per pubblicare un nuovo articolo dal titolo Das Wesen der Religion, decisero di procedere con il loro lavoro su Feuerbach. Un’edizione contestuale dei manoscritti del 1845-1846 deve quindi stampare le critiche di Marx ed Engels dei «veri socialisti» dopo la bella copia II. Sankt Bruno e il cosiddetto manoscritto principale. Nel presentare queste critiche ai «veri socialisti» un’edizione contestuale si allontanerebbe dalla versione di testo antiquata proposta nel 1998 Konstitution von MEGA2 I / 5, dove la critica di Marx ed Engels I. Die rheinischen Jahrbücher, oderdie Philosophie des wahren Sozialismus è ancora seguita dalla critica di Marx IV. Karl Grün: Die soziale Bewegung in Frankreich und Belgien (Darmstadt 1845), oder: dieGeschichtsschreibung des wahren Sozialismus.30 Nel 1998, Dieter Deichsel scoprì che la copia di stampa di Marx era stata infatti prodotta prima dell’introduzione al secondo volume e la citata critica di Marx ed Engels I. Die rheinischen Jahrbücher, oder die Philosophie des wahren Sozialismus.31 Lo sviluppo testuale può essere compreso solo se la cronologia effettiva delle critiche viene rigorosamente stabilita. Solo dopo che Weerth aveva preso il secondo volume sui «veri socialisti» da Bruxelles alla Germania (fine maggio o inizio giugno 1846) Marx ed Engels iniziarono a scrivere le tre aperture di capitolo a I. Feuerbach (Giugno 1846 o inizio luglio 1846). Queste aperture a I. Feuerbach possono essere comprese fino in fondo solo se sono inserite nel contesto in cui sono state scritte.

Per la prima volta, e in contrasto con tutte le edizioni finora pubblicate de L’ideologia tedesca, un’edizione contestuale collocherebbe le aperture di capitolo a I. Feuerbach dopo II. Sankt Bruno, III. Sankt Max e le recensioni dei veri socialisti, così come dopo il cosiddetto manoscritto principale. Lo stesso si applica ai manoscritti «Frammento 1» e «Frammento 2», che furono presumibilmente prodotti nello stesso periodo delle tre aperture di I. Feuerbach.32 Sebbene Marx ed Engels avessero iniziato a raccogliere materiali per la loro critica I. Feuerbach nel giugno 1846, i due autori non volevano pubblicare il cosiddetto manoscritto principale come parte di questo «primo capitolo». Da tutto ciò che conosciamo della storia delle origini di Sankt Bruno, è molto probabile che solo alcune delle idee incoerenti presentate in questi frammenti (impaginati 1-72) abbiano trovato la loro strada nella critica di Feuerbach. Molte pagine del cosiddetto manoscritto principale potrebbero semplicemente essere state gettate via. Il 15 agosto 1846, Engels lasciò Bruxelles e si stabilì a Parigi. Da quel momento in poi entrambi gli autori persero gradualmente interesse per i manoscritti del 1845-1846. Solo nell’estate del 1846 Marx ed Engels realizzarono la loro Selbstverständigung. Inoltre, volendo essere più direttamente coinvolti nelle lotte politiche del loro tempo, nel dicembre 1846, Marx iniziò a lavorare sul suo libro Misère de la philosophie: Réponse à la philosophie de la misère de M. Proudhon, e così facendo terminò la sua opera e quella di Engels sui manoscritti del 1845-1846. Alla fine della ricerca sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca, vorrei tracciare una linea chiara tra l’approccio «contestuale», che propongo qui, e le precedenti disposizioni «logiche» e «cronologiche» dei manoscritti del 1845-1846. Inoltre, si è voluto dimostrare che un’edizione contestuale, che ordina le diverse critiche e frammenti come delineato in precedenza, che rende eventuali revisioni di testo in un modo simile all’edizione Hiromatsu del 1974, e che fa uso del formato a due colonne, contribuirà a porre fine alla contraddizione di vecchia data tra accuratezza storica e leggibilità. Solo un’edizione contestuale dei manoscritti del 1845-1846 rappresenterà una vera fonte di informazione ed ispirazione per un vasto pubblico e fornirà anche a questi lettori una rinnovata comprensione di come la “concezione della storia” di Marx ed Engels possa essere utilizzata a proprio vantaggio.

3. La metodologia di una «storia politica» ^

Dall’analisi sulla storia politica de L’ideologia tedesca si possono trarre conclusioni molto importanti. Devono essere presi in considerazione cinque punti metodologici: 1) La storia deve essere scritta secondo una misura storica. Questo tipo di ricerca mira a presentare sviluppi politici specifici come parte di un processo storico in corso nella sua «totalità»33. Questo significa che non sarà «costruita» nessuna storia politica astratta, che è da qualche parte «al di fuori e al di sopra del mondo». Non dovrebbe esserci separazione tra «ciò che è storico» e ciò che appartiene alla «vita comune». La coscienza politica e le azioni politiche sono parte integrante o aspetti della «produzione di vita» in corso (Lebensproduktion), come Marx ed Engels le hanno definite.34 Questa «produzione della vita», che comprende interazioni coscienti tra gli esseri umani e tra la «natura» e gli stessi esseri umani stessi, è l’unico «terreno della storia» empirico (Geschichtsboden). Le ideologie politiche, che vengono presentate e discusse nel corso di questa ricerca devono, pertanto, essere spiegate in relazione alla «produzione della vita». 2) Le «illusioni dell’epoca» non devono essere condivise. Oltre all’analisi delle forme di coscienza di base e non ideologiche, che sono parte integrante della «produzione della vita», questa ricerca si occupa prevalentemente di forme politiche di coscienza «ideologica». Quindi è necessario essere, come Marx ed Engels35 hanno detto, intelligenti come un «negoziante», che sa molto bene come distinguere tra ciò che qualcuno dice di lui/lei e ciò che lui o lei è in realtà. Ciò significa che stiamo scoprendo i «veri motivi» che sottendono le ideologie politiche. Questa ricerca, quindi, è guidata dall’ipotesi che le lotte teoriche nel campo della politica sono spesso determinati da interessi di classe molto «materiali» degli attori politici.36 3) L’impatto delle ideologie sulla storia deve essere preso in considerazione. Sebbene le ideologie non siano la «forza trainante della storia», devono essere spiegate nel rapporto con la loro dipendenza dal «modo di produzione». Qui, «tradizione» è un «potere» significativo.37 In conclusione, data la sua dominanza economica, la classe dominante governa attraverso la sua «produzione» di pensieri.38 Questo fatto è stato chiaramente riconosciuto da Marx ed Engels quando hanno scritto che la loro «concezione della storia» presenta le ideologie come parte della «totalità» del processo storico e che è anche necessario esporre le «interazioni» tra le ideologie e altri aspetti della «produzione della vita»39. L’intuizione importante che «i veri interventi storici della politica nella storia» devono essere presi in considerazione è fondamentale per questa ricerca.40 4) Le affermazioni ideologiche e non ideologiche devono essere distinte. Dichiarazioni non ideologiche, secondo Marx ed Engels, possono essere trovate dove gli individui sono direttamente coinvolti nell’interazione pratica con la «natura». Questo è vero per le «classi che producono direttamente», ma qui può essere trovato anche un processo storico: finché l’intero «modo di produzione» è «denso» e sottosviluppato, i lavoratori non hanno nient’altro che una coscienza «ristretta»41. Solo lo sviluppo moderno dello scambio «universale» e della produzione capitalista presenta l’ideologia della classe dominante come una «palese menzogna»42. È solo a causa di queste «circostanze mutate» che le «idee teoriche» della classe dominante stanno diventando «inesistenti» per «la massa del popolo», cioè il «proletariato»43. Le idee della classe operaia devono quindi essere viste, almeno nella tendenza, come anti-ideologiche. Tuttavia, questa ipotesi di Marx ed Engels è stata spesso caratterizzata da una «pia illusione» e una forma di propaganda. 5) Questa ricerca non dovrebbe essere guidata né dall’empirismo astratto né dall’idealismo. Marx ed Engels hanno affermato che «non appena il processo di vita attiva [vale a dire, «la produzione della vita»] viene presentato, la storia cessa di essere una raccolta di fatti morti, com’è con gli empiristi astratti, o un’azione immaginata di soggetti immaginati, come con gli idealisti»44. Un esempio di tale presentazione (materiale) della realtà dovrebbe essere fatto anche nei cosiddetti manoscritti di Feuerbach di ciò che è noto come L’ideologia tedesca. Su molte pagine gli autori hanno descritto il complesso sviluppo della società borghese, a partire dalle prime città del Medioevo e concludere con il capitalismo globale.45 Non si limitarono a esporre una raccolta di «fatti morti» ma, ancora più importante, fornirono anche astrazioni scientifiche, che servirono a «semplificare» l’ordinamento del materiale storico e a indicare la sequenza dei suoi diversi strati.

Questi cinque punti metodologici sono i temi teorici principali discussi in quella che divenne nota come L’ideologia tedesca. Questo è ciò su cui vertono i manoscritti del 1845-1846, sezioni polemiche incluse. Solo se ci si attiene a questo tipo di metodologia diventa possibile parlare di una «storia politica» senza perdersi in una «storia della politica» speculativa e metafisica. La «concezione della storia» come delineata da Marx ed Engels nel 1845-1846, presentava ideologie politiche e azioni come parte integrante della «totalità» del processo storico. Dall’analisi delineata fin qui si possono ricavare altri quattro punti metodologici essenziali: 1) Le edizioni devono essere intese come «espressioni di vita reale». Le edizioni sono interpretazioni e gli editori sono interpreti. Quindi, fatti storici sui testi, le loro origini, la loro cronologia e così via, non sono riflessi meccanici nella coscienza dell’editore che poi verranno semplicemente presentati al pubblico sotto forma di un’edizione. L’editore interpreta attivamente questi fatti e, così facendo, usa il testo come mezzo per un certo fine. Come essere umano, lui o lei sceglie consapevolmente un certo testo da pubblicare in un dato momento, in un certo posto, e anche in un certo modo. L’editore, in quanto essere umano, fa parte del processo di «vita reale» e la sua edizione è una «espressione di vita reale»46. Con la sua pubblicazione l’editore intende esprimere qualcosa che è correlato all’attuale situazione storica. L’editore comunica con il lettore attraverso la sua edizione. 2) Qualsiasi collegamento tra un’edizione e la situazione storica deve essere scoperto. Poiché il modo in cui un editore revisiona un testo non è determinato solo dal testo o dalla sua stessa storia, ma anche, come accennato in precedenza, dall’esperienza personale, conoscenza e intenzioni, dell’editore, diventa necessario indagare sulle motivazioni dell’editore. Innanzitutto, bisogna esaminare le introduzioni e altri commenti che sono forniti dall’editore al lettore. Enfasi particolare deve essere messa su tutte le dichiarazioni che forniscono informazioni relative alle ragioni per cui un editore ha pubblicato un determinato testo in un particolare momento. In secondo luogo, è importante analizzare i mezzi di cui disponeva l’editore per la pubblicazione del testo. Terzo, bisogna esaminare il testo stesso. Alcune parti del testo potrebbero essere state omesse di proposito o il testo potrebbe essere stato (ri)organizzato in un certo modo, e così via. 3) È necessario analizzare l’ideologia dell’editore. A seconda della posizione dell’editore all’interno della società, i suoi specifici interessi (di classe) e l’influenza ideologica a cui era sottoposto, non è sempre possibile distinguere a prima vista tra affermazioni ideologiche e non ideologiche che l’editore prende circa le proprie motivazioni. L’editore potrebbe (come un ideologo) essere illuso riguardo i suoi motivi, o potrebbe benissimo mascherarli. Tuttavia, Marx è giunto alla conclusione che qualsiasi «argomento sull’attualità o non attualità di pensare, dove il pensare è preso isolatamente dalla prassi, è puramente una questione scolastica»47. La «prassi» per l’editore è la pubblicazione dell’edizione. Solo allora diventa chiaramente visibile quali interessi “materiali” (di classe) l’editore serve, indipendentemente dalle illusioni, che l’editore potrebbe avere riguardo alle proprie motivazioni. I lettori che comprano, copiano o prestano il testo e si riferiscono ad esso e realizzano uno qualsiasi dei suoi messaggi o li diffondono sono i veri e propri destinatari. Le ragioni dell’editore si riflettono così nei lettori. Pertanto, è un imperativo, per qualsiasi ricerca sulla storia politica delle edizioni, esaminare da vicino l’impatto di qualsiasi edizione sui suoi lettori. 4) Le edizioni devono essere viste come parte di un processo storico. Se i lettori condividono le intenzioni ideologiche o non ideologiche dell’editore, allora non sarà possibile analizzare una storia politica delle edizioni. Certo le edizioni saranno ripubblicate più e più volte. Ma quando si nota una differenza tra le intenzioni dell’editore e la ricezione della sua edizione da parte dei lettori, a volte inizia una reazione a catena politica. I lettori tendono a rifiutare qualsiasi pubblicazione non correlata ai loro interessi «materiali» (di classe). La richiesta di una nuova edizione sorgerà e si discuterà su come realizzare questo obiettivo. I motivi dei lettori si mostreranno nella ricezione di una nuova edizione. Per questa ricerca è importante considerare questo movimento come un processo storico.

Concludendo, le edizioni de L’ideologia tedesca devono essere ricercate in ordine cronologico. In conformità con i punti metodologici delineati in precedenza, che sottolineano l’importanza della dimensione storica, insieme all’ordinamento delle diverse forme di sviluppo e la «connessione interiore» (inneres Band) tra loro, si deduce che le edizioni de L’ideologia tedesca devono essere studiate cronologicamente. Marx stesso ha spiegato il suo metodo di indagine dicendo che la ricerca deve appropriarsi del materiale nel dettaglio, analizzarne le diverse forme di sviluppo, per tracciare la loro connessione interiore. Inoltre, gli antagonismi politici, che si evidenziano nelle diverse edizioni de L’ideologia tedesca, devono essere analizzati. In accordo con i punti metodologici precedenti che sottolineano gli «interessi materiali» dietro idee e ideologie, insieme al legame tra le idee e classi sociali e il ruolo importante delle intenzioni degli editori, si conclude che le edizioni de L’ideologia tedesca devono essere studiate considerando gli antagonismi politici. Questa ricerca si concentrerà sugli antagonismi che si sono sviluppati dopo la Rivoluzione d’Ottobre del 1917 e raggiunsero l’apice durante la cosiddetta Guerra Fredda. Ciò significa che le diverse edizioni dell’«Est» e dell’«Ovest» devono essere analizzate non solo rispetto ai modi in cui si sono influenzate e «sfidate», ma anche rispetto ai modi in cui i diversi interessi «materiali» (di classe) sono stati riflessi in loro. Tutti i punti metodologici qui delineati sono reciprocamente dipendenti e, allo stesso tempo, inseparabili l’uno dall’altro. Formano il «principio guida» per le ricerche intraprese sulla storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca. Solo se tutti i punti metodologici dell’elenco vengono presi in considerazione, sarà possibile presentare la storia politica delle edizioni de L’ideologia tedesca nel modo più completo e accademico.

Attraverso l’analisi della storia politica delle edizioni è possibile mostrare come il tendenzioso processo della diffusione degli scritti e l’assenza di una loro edizione integrale, insieme con la originaria incompiutezza, il lavoro postumo degli editori, le letture «ideologiche» e le più numerose non letture, sono le cause principali di un costante snaturamento del pensiero di Marx ed Engels e della nascita di un’ideologia che s’ispirava a degli autori le cui opere erano, in parte, ancora sconosciute. L’affermazione del «marxismo» e la diretta sistematizzazione in un corpus dogmatico sono avvenute in una fase precedente a quella della conoscenza di testi, la cui lettura è indispensabile per comprendere la formazione e l’evoluzione del pensiero di Marx. Nel caso particolare, L’Ideologia tedesca, che viene considerata la prima esposizione sistematica della concezione materialistica della storia, è restituita nella sua originaria incompiutezza che rende tortuoso ogni tentativo di sistematizzazione. Come ricorda Antonio Labriola nel 1897, il «materialismo storico, che poi in un certo senso è tutto il marxismo, prima che entrasse nell’ambiente critico letterario degli atti a svolgerlo e continuarlo, è passato qui, fra noi popoli di lingue neolatine, attraverso ad una infinità di equivoci, di malintesi, di alterazioni grottesche, di strani travestimenti e di gratuite invenzioni». In effetti, molti dei loro testi erano rari o irreperibili anche in lingua originale e, da qui, l’invito dello studioso italiano a dare vita ad «una edizione completa e critica di tutti gli scritti di Marx ed Engels» in modo che «tutta la operosità scientifica e politica, tutta la produzione letteraria, sia pur essa occasionale, dei due fondatori del socialismo critico, deve essere messa alla portata dei lettori […] perché essi parlino direttamente a chiunque abbia voglia di leggerli». Egli considerava tutti gli scritti e i lavori di Marx ed Engels, non portati a termine, come «i frammenti di una scienza e di una politica, che è in continuo divenire». Per evitare di cercare al loro interno «ciò che non c’è, e non ci ha da essere», ovvero «una specie di volgata o di precettistica per la interpretazione della storia di qualunque tempo e luogo», essi potevano essere pienamente compresi solo se ricollegati al momento e al contesto della loro genesi, che è come la traccia e l’orma, e a volte l’indice e il riflesso della genesi del socialismo moderno. Diversamente, coloro i quali «non intendono il pensare ed il sapere come operosità che sono in fieri», ossia «i dottrinarii e i presuntuosi d’ogni genere, che han bisogno degl’idoli della mente, i facitori di sistemi classici buoni per l’eternità, i compilatori di manuali e di enciclopedie, cercheranno per torto e per rovescio nel marxismo ciò che esso non ha mai inteso di offrire a nessuno»48: una soluzione sommaria e fideistica ai quesiti della storia.

Copyright © 2019 Mariarosaria Iovinella

Mariarosaria Iovinella. «Risultati della ricerca sulle edizioni dei manoscritti del 1845-1846. La metodologia di una storia politica». Dialegesthai. Rivista telematica di filosofia [in linea], anno 21 (2019) [inserito il 31 dicembre 2019], disponibile su World Wide Web: <https://mondodomani.org/dialegesthai/>, [63 KB], ISSN 1128-5478.

Note

  1. Per definizione ed origine di «storia politica» vedi Mariarosaria Iovinella, La storia politica de L’ideologia tedesca. Influenze editoriali nella costruzione del primo capitolo, in G. Sgro’, I. Viparelli (a cura di), Da Marx al post-operaismo. Soggettività e pensiero emergente, La Città del Sole, Napoli, 2018, pp. 13-36. <

  2. Cfr. Bodo Plachta, Editionswissenschaft: Eine Einfuhrung in Methode und Praxis der Edition neuerer Texte, Universal- Bibliothek, n. 17603, Philipp Reclam jun, Stuttgart, 1997, pp. 122-123. <

  3. Ivi, pp. 12-13. <

  4. Ivi. p. 126 (traduzione mia). <

  5. Sozialistische Studiengruppen (SOST), Die Deutsche Ideologie: Kommentar, VSA-Verlag, Hamburg, 1981, p. 38. <

  6. Ivi, pp. 39-40, 104. <

  7. Cfr. Michael Tobias Koltan, Die Konzeption der Geschichte in der “Deutschen Ideologie” von Karl Marx und Friedrich Engels, 1995, p. 77, 92. http://home.breisnet-online.de/koltan/feuerbach/index.html.. <

  8. Terrell Carver, The Postmodern Marx, University Park: Pennsylvania State University Press, 1998, p. 2 (traduzione mia). <

  9. Ivi., pp. 98, 104-107. <

  10. Ivi., p. 104 (traduzione mia). <

  11. Moon-Gil Chung, Einige Probleme der Textedition der Deutschen Ideologie, insbesondere in Hinsicht auf die Wiedergabe des Kapitels I. Feuerbach, in Marx und Engels: Konvergenzen-Divergenzen, in «Beiträge zur Marx-Engels- Forschung», Neue Folge, 1997, ed. C. Vollgraf, R. Sperl, R. Hecker, Argument, Berlin-Hamburg, 1998, pp. 31-60 (p. 36) (traduzione mia). <

  12. Sozialistische Studiengruppen (SOST), Die Deutsche Ideologie: Kommentar, cit., p. 39. <

  13. Friedrich Engels, Ludwig Feuerbach und der Ausgang der klassischen deutschen Philosophie, in Marx-Engels-Werke, vol. 21, ed. Institut für Marxismus-Leninismus beim ZK der SED, Dietz, Berlin, 1962, p. 264 (traduzione mia). <

  14. Moon-Gil Chung, Einige Probleme der Textedition der Deutschen Ideologie, insbesondere in Hinsicht auf die Wiedergabe des Kapitels I. Feuerbach, in Marx und Engels: Konvergenzen-Divergenzen, cit., p. 36 (traduzione mia). <

  15. Cfr. Gerald Hubmann, Christine Weckwerth, Ulrich Pagel, Die Textgestalt der Deutschen Ideologie in MEGA2 I / 5: Einleitender Beitrag zum deutsch-japanischen Workshop am 24 November 2006 an der Berlin-Brandenburgischen Akademie der Wissenschaften, manoscritto non pubblicato, Berlin, 2006. <

  16. Cfr. Jacques Grandjonc, Jurgen Rojahn, Der revidierte Plan der Marx-EngelsGesamtausgabe, in «MEGA-Studien», no. 1995/2, ed. Internationale Marx-EngelsStiftung, Amsterdam, Dietz, Berlin, 1996, p. 63. <

  17. Ivi., pp. 77-78. <

  18. Ivi., p. 66. <

  19. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Marx-Engels-Jahrbuch 2003: Karl Marx, Friedrich Engels, Joseph Weydemeyer: Die Deutsche Ideologie: Artikel, Druckvorlagen, Entwurfe, Reinschriftenfragmente und Notizen zu I. Feuerbach und II. Sankt Bruno, Text & Apparat, Akademie, Berlin, 2004, p. 157. <

  20. Inge Taubert, Manuskripte und Drucke der «Deutschen Ideologie» (November 1845 bis Juni 1846): Probleme und Ergebnisse, In «MEGA-Studien», n. 1997/2, ed. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Amsterdam, 1998, pp. 5-31 (p. 21). 21 Gustav Mayer, Engels, Friedrich und Marx, Karl: Das Leipziger Konzil: Mit Einfuhrung von Gustav Mayer In Archiv fur Sozialwissenschaft und Sozialpolitik, vol. 47, ed. Edgar Jaffe, Johnson Reprint Corporation, New York, London, 1971, p. 780. <

  21. Gustav Mayer, Engels, Friedrich und Marx, Karl: Das Leipziger Konzil: Mit Einfuhrung von Gustav Mayer In Archiv fur Sozialwissenschaft und Sozialpolitik, vol. 47, ed. Edgar Jaffe, Johnson Reprint Corporation, New York, London, 1971, p. 780. <

  22. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Marx-Engels-Jahrbuch 2003: Karl Marx, Friedrich Engels, Joseph Weydemeyer: Die Deutsche Ideologie: Artikel, Druckvorlagen, Entwurfe, Reinschriftenfragmente und Notizen zu I. Feuerbach und II. Sankt Bruno, cit., p. 166. <

  23. Inge Taubert, Wie entstand die Deutsche Ideologie von Karl Marx und Friedrich Engels?: Neue Einsichten, Probleme und Streitpunkte, in Studien zu Marx erstem Paris-Aufenthalt und zur Entstehung der Deutschen Ideologie, Schriften aus dem Karl-Marx-Haus, vol. 43, ed. Studienzentrum Karl-Marx-Haus, Trier, 1990, pp. 57-59. <

  24. Inge Taubert, Manuskripte und Drucke der 'Deutschen Ideologie' (November 1845 bis Juni 1846): Probleme und Ergebnisse, cit., p. 17. <

  25. 25 Ivi., p. 17. <

  26. Inge Taubert, Wie entstand die Deutsche Ideologie von Karl Marx und Friedrich Engels?: Neue Einsichten, Probleme und Streitpunkte, In Studien zu Marx erstem Paris-Aufenthalt und zur Entstehung der Deutschen Ideologie, cit., p. 60. <

  27. Inge Taubert, Manuskripte und Drucke der «Deutschen Ideologie» (November 1845 bis Juni 1846): Probleme und Ergebnisse, cit., p. 23. <

  28. Ivi., p. 21. <

  29. Ivi., p. 17. <

  30. Cfr., Inge Taubert, Hans Pelger, Jacques Grandjonc, Die Konstitution von MEGA2 I/5 ‘Karl Marx, Friedrich Engels, Moses Hes: Die deutsche Ideologie: Manuskripte und Drucke (November 1845 bis Juni 1846), in «MEGA-Studien», n. 1997/2, ed. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Amsterdam, 1998, pp. 49-102 (p. 57). <

  31. Cfr., Dieter Deichsel, Die Kritik Karl Gruns: Zur Entstehung und Uberlieferung von Teil IV des zweiten Bandes der Deutschen Ideologie, in «MEGA-Studien», n. 1997/2, ed. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Amsterdam, 1998, pp. 103-153 (p. 130). <

  32. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Marx-Engels-Jahrbuch 2003: Karl Marx, Friedrich Engels, Joseph Weydemeyer: Die Deutsche Ideologie: Artikel, Druckvorlagen, Entwurfe, Reinschriftenfragmente und Notizen zu I. Feuerbach und II. Sankt Bruno, cit., p. 324. <

  33. Karl Marx, Friedrich Engels, Die Deutsche Ideologie, in Marx-Engels-Jahrbuch 2003: Karl Marx, Friedrich Engels, Joseph Weydemeyer: Die Deutsche Ideologie: Artikel, Druckvorlagen, Entwürfe, Reinschriftenfragmente und Notizen zuI. Feuerbach und II. Sankt Bruno, Text & Apparat*, ed. Internationale Marx-Engels-Stiftung, Akademie, Berlin, 2004, p. 29. <

  34. Ivi., pp. 31-32. <

  35. Ivi., p. 46. <

  36. Ivi., p. 43. <

  37. Ivi., p. 82. <

  38. Iv.i, p. 40. <

  39. Ivi., pp. 28-29. <

  40. Ivi., p. 35. <

  41. Ivi., pp. 16-17. <

  42. Ivi., pp. 65-66. <

  43. Ivi., p. 34. <

  44. Ivi., p. 116 (traduzione mia). <

  45. Ivi., pp. 49-67. <

  46. Karl Marx, Friedrich Engels, Die deutsche Ideologie: Kritik der neuesten deutschen Philosophie in ihren Repräsentanten Feuerbach, B. Bauer und Stirner, und des deutschen Sozialismus in seinen verschiedenen Propheten, in Marx-Engels-Werke, vol. 3, ed. Institut für MarxismusLeninismus beim ZK der SED, Dietz, Berlin, 1958, p. 433. <

  47. Karl Marx, On Feuerbach (Brussels, March 1845), in Marx: Early Political Writings, ed. J. O’Malley, Cambridge University Press, Cambridge, p. 116 (traduzione mia). <

  48. Antonio Labriola, Discorrendo di socialismo e filosofia. Scritti filosofici e politici, in F. Sbarberi (a cura di), Scritti filosofici e politici, Torino, Einaudi, 1973, pp. 667-677. <

Copyright © Dialegesthai 2019 (ISSN 1128-5478) | filosofia@mondodomani.org | Direzione e redazione